Tu sei qui

Quinta edizione del Premio Morrione: entro il 27 gennaio l’invio delle nuove proposte

Pubblicato il Mer, 23/12/2015 - 09:48 da Gianna Zortea

E’ stato lanciato il nuovo bando del Premio giornalistico Roberto Morrione, promosso dall’associazione Amici di Roberto Morrione e dedicato alla memoria e all’impegno civile e professionale di Roberto Morrione, giornalista Rai, fondatore della rete allnews Rainews24 e di Libera Informazione, osservatorio sull’informazione per la legalità e contro le mafie.

Questa quinta edizione apre ad una nuova categoria in concorso, quella del webdoc d’inchiesta, che si aggiunge alla categoria video-inchiesta. I partecipanti non devono aver superato i 31 anni di età il 27 gennaio 2016, termine fissato per l’invio dei progetti, corredati da showrell e cv degli autori.
 

Tra tutti quelli inviati, nel rispetto delle modalità indicate nel  bando pubblicato nel nostro sito, la giuria selezionerà quattro progetti da finanziare e realizzare: due per lacategoria video-inchiesta e due per la categoria web-doc d’inchiesta. I progetti selezionati verranno resi noti entro il 28 febbraio 2016.

Durante i cinque mesi di produzione, gli autori verranno affiancati da un tutor giornalistico, un tutor tecnico e un tutor legale.

Tutor della quinta edizione saranno: Toni Capuozzo e Sandro Ruotolo per la categoria video inchiesta e Valerio Cataldi e Paolo Aleotti per la categoiria webdoc inchiesta. Iltutoraggio tecnico video audio è di Francesco Cavalli; il tutoraggio tecnico per le webdoc è di Stefano Lamorgese. L’avvocato Giulio Vasaturo garantisce una puntuale e specifica consulenza legale.

A ciascun progetto scelto verrà assegnato un contributo in denaro di 4.000 euro da impiegare nello sviluppo e produzione di un’inchiesta.

I progetti selezionati, oltre a ricevere l’iniziale contributo per la realizzazione, concorreranno ad un premio finale in denaro del valore di 2.000 euro ciascuno per la migliore video inchiesta e la migliore webdoc d’inchiesta.

Le inchieste vincitrici verranno diffuse da Rainews24. Le inchieste finaliste avranno inoltre l’occasione di partecipare a festival e incontri in Italia e all’estero. Grazie alla collaborazione con la casa editrice Kogoi, uno dei progetti finalisti potrà essere trasformato in libro e in e-book.